Riacquista la tua energia

Stress e affaticamento

Lo stress è una condizione altamente frequente nel nostro tempo che può portare con sé numerosi altri disturbi.  Ritmi frenetici, vita intensa, ansia e preoccupazioni, sono alcune delle fonti di stress ed affaticamento per i quali molte volte è necessario un boost di energia. Il corpo si adatta ai cambiamenti. Quando questi cambiamenti ci fanno male, andiamo ad aprire un varco alla possibilità di danneggiare l’equilibrio che dovremmo sempre tenere nel petto, negli organi, nella mente lucida e pacifica. Lasciamo invece entrare quello che comunemente viene indicato con una delle parole più abusate della nostra era: lo stress.

L’organismo reagisce allo stress aumentando la secrezione di certi ormoni e inibendone altri; la produzione di sostanze messaggere come la serotonina, la noradrenalina e la dopamina viene compromessa.

Sintomi

sintomi dello stress, d’altra parte, sono evidenti: frequente sensazione di stanchezza generale, accelerazione del battito cardiaco, disturbi del sonno, dolori muscolari, ulcera dello stomaco, diarrea, crampi allo stomaco, colite, difficoltà ad esprimere anche concetti che si possiedono, sensazione di noia nei confronti di ogni situazione, frequente bisogno di urinare, cambio della voce, iperattività, confusione mentale, irritabilità, abbassamento delle difese immunitarie.

Alimentazione in caso di stress

Lo stress si manifesta con mancanza di energia, stanchezza eccessiva e continua, scarsa capacità di concentrazione, apatia e difficoltà a recuperare le forze. Nello stress, come nella stanchezza, sarà fondamentale ritornare ad uno stile di vita sano ed equilibrato. Dall’ alimentazione dovrebbero essere esclusi i cibi confezionati, quelli ricchi di zuccheri e dolcificanti e bevande zuccherate.

L’alimentazione dovrà essere naturale e alcalinizzante (I cibi alcalini sono quelli i cui residui non metabolizzati dall’organismo hanno un pH basico, come la frutta e tutti i vegetali. Una corretta dieta alcalina è in grado di preservare la salute del corpo umano e mantenerlo in equilibrio), ricca di cereali integrali, legumi, pesce di piccola taglia, semi oleosi, olio extravergine di oliva, verdura e frutta di stagione, in modo da fornire all’organismo tutti i nutrienti, le vitamine e i sali minerali che gli sono necessari per recuperare le energie.

Importanti le vitamine del gruppo B, che si introducono variando quanto più possibile gli alimenti e i vari tipi di cereali integrali. In particolari condizioni, possono risultare utili oltre a vitamine e minerali, anche sostanze naturali toniche ed adattogene come l’alga spirulina, il ginseng, l’eleuterococco, la pappa reale, il polline, la rodiola,  il guaranà e così via. Importante anche la glicemia, cioè il livello degli zuccheri nel sangue, che si mantiene costante evitando zuccheri semplici a rapido rilascio e prodotti a base di farine bianche raffinate. Durante lo stress si incorre più facilmente nella disidratazione, andrebbe aumentato quindi il consumo di acqua lontano dai pasti, ma anche di tisane biologiche. Da ridurre se non eliminare l’uso di caffè e tè che potrebbero peggiorare i sintomi.

Rimedi fitoterapici per lo stress

Le piante utilizzate contro lo stress sono in grado di produrre un generale miglioramento delle condizioni psicofisiche; svolgono un’azione equilibrante sul sistema immunitario, endocrino, nervoso e su quello cardio-circolatorio, favorendo la capacità di resistenza allo sforzo e quella di recupero dell’organismo.

  • Passiflora: (Passiflora incarnata) le foglie sono particolarmente indicate in virtù degli effetti calmanti e antispasmodici, in caso di ansia, tensione nervosa, irritabilità e in tutti i disturbi della sfera nervosa legati allo stress.
  • Robiola: (Rhodiola rosea), la radica è estremamente efficace per combattere la stanchezza, e l’affaticamento, migliora la qualità del sonno, e ha effetto cardioprotettivo, utile in stati di stress, con tachicardia, palpitazioni, ansia e nervosismo;
  • Maca delle Ande: (Lepidium meyenii), la sua radice è di valido aiuto, per combattere i disturbi legati allo stress, come il calo della libido e l’astenia sessuale in entrambi i sessi. Queste proprietà rivitalizzanti e afrodisiache sono dovute alla presenza di componenti ad azione stimolante sulle ghiandole endocrine, soprattutto quelle surrenali, le ovaie e i testicoli;
  • Griffonia: (Griffonia simplicifolia) i semi hanno proprietà antidepressiva, in quanto innalza i livelli di serotonina e regolarizza il ciclo sonno-veglia (ritmo circadiano) migliorando la qualità del sonno. L’uso della pianta si è rivelato utile anche per il controllo della fame nervosa, legata a stati d’ansia e stress;
  • Iperico: (Hypericum perforatum) agisce come riequilibrante del tono dell’umore, limitando il riassorbimento di due ormoni (noradrenalina e dopamina) che intervengono a sostegno dell’organismo nei periodi di maggiore stress o esaurimento nervoso;
  • Guaranà: (Paullinia cupana Kunt) è una pianta ricca di caffeina, composto ergogenico che favorendo lo stimolo del metabolismo e avendo effetto tonico (sulla stanchezza fisica e mentale), contribuisce ad una fisiologica riduzione della sensazione di spossatezza.